Travolto e ucciso dal bus, i filmati confermano la disgrazia

Al vaglio della procura i filmati e le memorie dell'autobus acquisite dal Ctm. Nella parrocchia di Sant'Eulalia familiari e amici hanno dato in forma riservata l'ultimo saluto al 31enne

Travolto e ucciso dal bus, i filmati confermano la disgrazia
Ansa
Una fermata Ctm a Cagliari


E' indagato con l'ipotesi di omicidio stradale - un atto dovuto per procedere con l'inchiesta - l'autista del bus del Ctm che ha investito Remesha Martin Elvis King, il 31enne originario del Burundi ricoverato al Brotzu di Cagliari in condizioni disperate e morto domenica pomeriggio. La pm Nicoletta Mari, che coordina le indagini sull'incidente, ha disposto l'acquisizione delle "memorie di massa", una sorta di scatola nera, che conservano le riprese delle telecamere presenti sul bus. Gli agenti della Polizia municipale hanno già recuperato gli hard disk e in particolare quello della cosiddetta dash-cam, una telecamera posizionata frontalmente vicino al parabrezza del conducente. I filmati confermerebbero l'ipotesi della disgrazia. Il 31enne si sarebbe abbassato per raccogliere gli occhiali della conoscente che correva con lui per prendere l'autobus e in quel momento sarebbe stato colpito alla testa dal mezzo pubblico. Saranno visionati anche i filmati delle altre telecamere del bus, quelle che inquadrano l'interno e le porte e che potrebbero fornire ulteriori elementi utili alle indagini.