Stretta sui furbetti del sacchetto, controlli e sanzioni in città

Bilancio della Polizia Locale sulle sanzioni comminate nel capoluogo

Stretta sui furbetti del sacchetto, controlli e sanzioni in città
ansa
polizia locale

Prosegue la lotta del comune di Cagliari contro l'abbandono dei rifiuti, dal centro storico alle zone più isolate. Ad agosto gli agenti della Polizia locale hanno effettuato numerosi sopralluoghi e ispezioni elevando decine di sanzioni anche per errate esposizioni. Da Stampace a Villanova, dal Quartiere del Sole a Sant'Avendrace, da San Benedetto a San Michele. 


Gli accertamenti e i monitoraggi vengono effettuati più volte nell'arco delle settimane. Tanti anche gli
interventi di pulizia e bonifica predisposti dal servizio Igiene del Suolo. In via Timavo, piazza Lao Silesu, piazza Vasco Da
Gama e via Mancini - spiega il Comune - il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti si ripete ciclicamente. 

I responsabili vengono individuati spesso attraverso le telecamere e le segnalazioni di altri cittadini. Tante anche le verifiche mirate condotte da agenti in borghese, a seguito di esposti e segnalazioni su rifiuti abbandonati e mastelli esposti fuori dall'orario consentito.


I cestini dislocati in tutta la città, circa 300 preesistenti e circa 790 installati a partire dal 2019 - precisano gli uffici
del servizio Igiene del suolo - servono per conferire piccoli rifiuti da "passeggio" e non rifiuti domestici o provenienti da
attività commerciali. Chi conferisce dentro o vicino i cosiddetti "gettacarte" può essere multato.