Sigarette elettroniche di contrabbando, olbiese denunciato

Erano in vendita nel suo negozio di alimentari

Sigarette elettroniche di contrabbando, olbiese denunciato
Ansa
ANSA

Nel suo piccolo negozio di alimentari, fra un pacco di pasta e una conserva di pomodoro spuntavano anche sigarette elettroniche, importate illegalmente e messe in vendita senza autorizzazione. Un commerciante olbiese di 27 anni è stato denunciato dalla Guardia di finanza del Gruppo di Olbia per contrabbando di tabacchi. Sono state complessivamente rinvenute e sequestrate 2.251 sigarette elettroniche, contenenti liquidi da inalazione con percentuali altissime di nicotina, potenzialmente pericolose per i consumatori anche perché, oltre ad essere state importate in frode alle accise, erano prive di marchi CE. I finanzieri hanno sequestrato un'auto sportiva, utilizzata per trasportare e consegnare le sigarette elettroniche, all'interno della quale è stata rinvenuta una pistola ad aria compressa in metallo, priva di tappo rosso occlusivo e del tutto simile a un'arma reale. Il giovane inoltre è risultato in possesso di beni di lusso per valori non coerenti con il quadro reddituale, tra i quali una moto di grossa cilindrata intestata alla madre dell'indagato, un orologio Rolex e altri beni valore che sono stati sequestrati e per i quali l'indagato dovrà giustificare la provenienza. Lo stesso giovane, lo scorso 15 settembre era stato arrestato con l'accusa di spaccio di sostanze stupefacenti. I Baschi Verdi del Gruppo Olbia avevano perquisito un capannone in città dove era stata allestita una vera e propria serra per la coltivazione e l'essiccazione di marijuana. Nell'appartamento del 27enne i finanzieri, con l'ausilio delle unità cinofile, avevano trovato oltre 80 confezioni di marijuana, per circa mezzo chilo di peso, oltre a 10.370 euro in banconote di vario taglio. L'arresto era stato convalidato e per il giovane era scattata la misura cautelare dei domiciliari che sono tutt'ora in corso.