Cagliari: Liverani, "pensavo di ribaltarla, la vittoria ci manca"

"Squadra ha margini di miglioramento, si giocherà chance per A"

Cagliari: Liverani, "pensavo di ribaltarla, la vittoria ci manca"
Ansa
ANSA

Mister Liverani non ha dubbi. Se il Cagliari non vince il problema è soprattutto psicologico. "Abbiamo freni a livello mentale - ha spiegato - viviamo di ansia e paura nel giocare la palla. E questo si è visto già nei primi minuti. Poi ci siamo sciolti e ho visto anche buone trame con due buone occasioni limpide per Lapadula, un colpo di testa di Deiola e alcune situazioni favorevoli. Nel secondo tempo stavamo esercitando una buona pressione ed è arrivato l'infortunio. Grande, poteva buttarci giù. E invece abbiamo reagito bene". L'errore di Altare? "I fischi fanno parte del nostro mestiere - ha detto - oggi è capitato a lui, ma sarebbe potuto capitare a un altro. Lui deve stare tranquillo perché c'è la stima di tutti nei suoi confronti". Formazione iniziale con Pereiro e Rog davanti troppo lontani da Lapadula? "Noi avevamo tre giocatori offensivi, da gestire però nell'arco dei 90 minuti. Per questo Luvumbo è entrato dopo". Panchina in bilico con la sosta alle porte? "Io lavoro, mi sento sereno - ha detto Liverani - la squadra ha margini di miglioramento, arriverà a giocarsi le su chance per la serie A. Certo, non sono soddisfatto dalla classifica. Possiamo fare molto di più, ma la nostra ricetta è sempre quella: lavorare".