La storica rassegna di Is Mascareddas compie 20 anni

Cagliari, ritornano i "grandi spettacoli per piccoli spettatori"

La storica rassegna di Is Mascareddas compie 20 anni
Ansa
ANSA

Da vent'anni si occupa di spettacoli per i bambini. Ora torna a Cagliari il Grande Teatro dei Piccoli, storica rassegna per famiglie organizzata dalla compagnia Is Mascareddas. 

Dopo l'anteprima dello scorso luglio, dal 19 novembre al 23 dicembre un fitto cartellone vedrà alternarsi compagnie isolane e nazionali per cinque fine settimana, con una lunga coda a ridosso del Natale. 

Appuntamento a Cagliari, nello spazio Officine a Sa Manifattura. Si comincia sabato 19 e domenica 20 novembre, dalle 17,30, con la compagnia C'è un asino che vola (Varese) che porta in scena Mago Magrino e altri animali magici, spettacolo con burattini, marionette e pupazzi di e con Giorgio Rizzi e Roberto Scala.

Si prosegue domenica 27 novembre, alle 17 e 30, con un doppio appuntamento a cura della compagnia Fueddu e Gestu di Villasor. Un laboratorio e uno spettacolo con attori e maschere dal titolo Cammina cammina...Lucertolina, tratto da una fiaba di Maria Lai e Giuseppina Cuccu, con Maura Grussu e Nanni Melis per la regia di Giampietro Orrù. 

Sabato 3 e domenica 4 dicembre tocca invece alla compagnia di casa, Is Mascareddas, che dalle 17,30 presenta Bolom Bolom, è finita la farina, con testo e sceneggiatura di Betti e Donatella Pau, e animazione marionette a cura di Alessandra Cadeddu. Lo spettacolo racconta la storia di Angiolina, una ragazza che vive in campagna con un amico corvo sopra la testa. Ancora Is Mascareddas protagonista della quarta tappa del festival, in programma da giovedì 8 a domenica 11 dicembre con sipario sempre alle 17,30. In scena Doni, spettacolo di narrazione con pupazzi e oggetti di e con Donatella Pau, scritto insieme a Betti Pau. Una riflessione sul concetto di dono come strumento universale per creare relazioni umane, veicolo di fiducia tra chi fa e chi riceve. Un testo in cui trovano spazio un racconto di Grazia Deledda, una favola dei fratelli Grimm, una fiaba di ambientazione araba e due leggende della tradizione popolare raccontano il gesto del dono e la magia che lo accompagna.