Continuità aerea, Solinas: dalla Commissione europea troppe rigidità

Il presidente della giunta ricorda le continue interlocuzioni con Bruxelles che ha sempre ribadito il no a tariffa unica e aumento dei voli

Continuità aerea, Solinas: dalla Commissione europea troppe rigidità
Tgr Rai
Aereo in pista

Polemiche strumentali che non tengono conto degli sforzi della Regione: dopo i giorni del caos voli da e per l'isola a ridosso delle feste (parzialmente risolti dall'aumento delle frequenze) e gli attacchi delle opposizioni sulla gestione della continuità, Christian Solinas risponde con un comunicato che ripercorre le tappe del difficile rapporto con la Commissione Ue su questo tema. “Un percorso testimoniato dalle continue interlocuzioni con l'Europa, e che è la migliore rappresentazione degli sforzi che la Regione ha posto in essere - recita il comunicato dell'ufficio stampa - per proteggere e difendere un modello di continuità che si fondi su una tariffa unica o quanto meno protetta per i non residenti, e un dimensionamento proporzionato alle esigenze di mobilità e connettività”. Ma sono proprio i due punti - tariffa unica per residenti e non e maggior numero di frequenze - sui quali è arrivato il no di Bruxelles. E il motivo viene spiegato nel comunicato: “comprendiamo (scrive l'Europa) che l'aumento del turismo andrebbe a beneficio dello sviluppo economico della Sardegna, ma d'altro canto una tariffa così preferenziale per i non residenti distorcerebbe anche la concorrenza con altre destinazioni turistiche nell'area del Mediterraneo”.