Castelsardo

La conta dei danni dopo l'incendio

Al lavoro per predisporre le bonifiche

La conta dei danni dopo l'incendio
Tgr Sardegna
L'incendio nel porto di Castelsardo

Dopo il maxi rogo che ieri all'alba ha interessato il porto turistico di Castelsardo sono in corso le operazioni di verifica per limitare i danni ambientali e predisporre le bonifiche. 

Sono cinque le barche andate in fumo, e affondate, altre due quelle danneggiate, una in modo grave. Si tratta di motoyacht da turismo, dai 10 ai 12 metri di lunghezza, la maggior parte appartenenti a persone residenti nel sassarese. 

I carabinieri hanno visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza e l'ipotesi di un atto doloso sarebbe da scartare. Un cortocircuito quella più accreditata: “La fibroplastica in cui sono fabbricate le barche è altamente infiammabile”, spiega il Comandante Dario Di Perna, della capitaneria di Porto Torres. “E sulle barche ci sono altri materiali combustibile, come bombole a gas”.