Malattia del cervo e lingua blu, si allentano le restrizioni

Via libera dal ministero alla movimentazione di bovini e ovini

Malattia del cervo e lingua blu, si allentano le restrizioni
Tgr Rai
Allevamento di bovini

Dopo il via all'embargo delle carni di maiale dovuto alla peste suina, arriva un altro semaforo verde per la Sardegna e il suo settore zootecnico. Il ministero della Salute - fa sapere la Regione con un comunicato - ha detto sì alla ripresa della movimentazione fuori dal territorio regionale dei capi ovini e bovini allevati nell'isola. La condizione è che siano sottoposti al test Pcr specifico, con esito negativo. Si allentano così le restrizioni in vigore non solo per la malattia del cervo (che colpisce i bovini) ma anche per le zone infette dal sierotipo tre della lingua blu (che colpisce gli ovini). Nelle aree in cui non è presente questo sierotipo, invece, le movimentazioni potranno riprendere senza bisogno del test Pcr per l'individuazione del virus blue tongue. In tutti i casi in cui è previsto il test di verifica, questo verrà effettuato sugli animali da movimentare al termine di un periodo di trattamento insetto-repellente di almeno sette giorni e che dovrà essere comunque effettuato fino al giorno della partenza. Gli animali potranno essere movimentati liberamente (ovvero senza test preventivo) solo per la macellazione, "a condizione - si legge nella nota del ministero - che la macellazione venga effettuata nel minor tempo possibile". Per l'assessore regionale della Sanità, Carlo Doria, si tratta di una notizia positiva, specialmente in un periodo dell'anno importante per la produzione e il mercato.