Pressing di Urso su Ita, calmierare prezzi dei voli per la Sardegna

L'appello del ministro per rivedere le tariffe e programmare le rotte in maniera più attenta. La Uil attacca:"Olbia dimenticata dalla continuità"

Pressing di Urso su Ita, calmierare prezzi dei voli per la Sardegna
Ansa
Il ministro Adolfo Urso

Continua il pressing su Ita del ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, per migliorare il servizio per Sicilia e Sardegna. Bene l'incremento dei voli, è un primo riscontro ma ancora insufficiente, fanno sapere fonti del Mimit. Serve una pianificazione più attenta, non ci può essere una risposta emergenziale a fronte delle legittime proteste, serve più impegno anche per calmierare i prezzi che non possono salire vertiginosamente. 

Intanto la Uil regionale attacca: “Avevamo accolto in maniera più che favorevole l’invito che solo pochi giorni fa il neo assessore ai Trasporti aveva rivolto  ai vettori  per incrementare il numero di voli durante il periodo di Natale, salvo poi scoprire che Ita e Volotea hanno avuto attenzione solo per lo scalo di Cagliari escludendo, almeno fino ad oggi, gli aeroporti di Olbia e Alghero”, ha sottolineato Elisabetta Manca, della segreteria regionale Uiltrasporti.

 

L’aeroporto di Olbia – evidenzia la sindacalista - è lo scalo maggiormente danneggiato da questa continuità territoriale, con due soli collegamenti giornalieri verso Milano Linate e per di più operati in orari che non consentono ai passeggeri di poter andare e tornare in giornata né tanto meno di prendere un volo in connessione, considerato che il volo del mattino operato da Ita parte alle 9 e non alle 7 come dagli altri aeroporti e così come sempre stato negli anni passati e fino allo scorso ottobre. 

 

“Riteniamo assolutamente inaccettabile che i vettori approfittino del disagio da loro creato per aggiungere ulteriori disservizi e inconvenienti  a chi deve raggiungere il nord Sardegna, soprattutto in un periodo così particolare dell’anno in cui l’esigenza di tornare nell'isola non può e non deve essere legata in alcun modo a mere logiche di mercato”, prosegue Manca. “Il tutto diventa ancora più insopportabile se si pensa che uno dei vettori che al momento detiene buona parte dei voli in continuità e che, ricordiamo, ha accettato volontariamente di operare senza alcun contributo economico, è di proprietà del Mef e quindi pagato dalla tasse anche di chi di quella continuità che dovrebbe garantire, non può godere”.

 

“Per evitare che quanto sta accadendo non si ripeta in futuro – conclude Elisabetta Manca - è assolutamente necessario, come annunciato dall'assessore Moro durante l’incontro con le organizzazioni sindacali mercoledì scorso, portare avanti unitariamente con tutti gli attori principali, la battaglia per una continuità territoriale degna di questo nome, scevra dalle logiche di mercato, disegnata sulle necessità dei sardi e della Sardegna, che guardi alla reale mobilità delle persone ma anche allo sviluppo economico dei territori”.