Superbonus, bloccati 300mln di crediti per le imprese sarde

Confartigianato: nell'Isola congelato il 16% degli incassi

Superbonus, bloccati 300mln di crediti per le imprese sarde
Ansa
ANSA

Sono oltre trecento milioni di euro destinati alle imprese sarde del sistema casa bloccati e mai incassati, nell'ambito del provvedimento per il superbonus 110%. È il dato che fornisce l'Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Sardegna e che riguarda i crediti che le imprese edili e dell'indotto non hanno mai ricevuto dall'avvio dell'incentivo. Si tratta di circa il 16% del totale del giro d'affari che la misura del governo, tra inizio agosto 2020 e il 30 novembre 2022, ha generato nell'Isola: un totale di 4 miliardi e 400 milioni di euro di cui 2 miliardi e 880 milioni come effetto diretto sulle imprese edili e sui tecnici e di 1 miliardo e 500 milioni di euro di indotto. La responsabilità del congelamento di queste risorse è, secondo l'associazione di categoria, "delle sedici modifiche normative al Superbonus, introdotte in due anni e mezzo: una ogni due mesi, a cui si sono aggiunte 11 modifiche sulle regole per sconto in fattura e cessione del credito", denuncia Confartigianato che ha chiesto al Governo di liberare le imprese dai crediti incagliati nei cassetti fiscali, non gestibili sul mercato bancario, e di scongiurare il fallimento di migliaia di imprese.