Giorno Memoria: mostra e convegno Università Cagliari

Tre docenti furono colpiti da leggi razziali, targa ricordo

Giorno Memoria: mostra e convegno Università Cagliari
Ansa
ANSA

All'Università di Cagliari due eventi per ricordare il Giorno della memoria, il 27 gennaio, data scelta dalle Nazioni Unite per ricordare le vittime dell'olocausto. In programma una mostra in rettorato dal 24 gennaio al 4 febbraio e un convegno il 30 gennaio. L'Università in prima linea con la mostra: tre suoi docenti, Doro Levi, Alberto Pincherle e Camillo Viterbo, furono colpiti dalle leggi razziali. Levi, triestino, sbarcò a Cagliari nel '35, nominato professore straordinario di archeologia e storia dell'arte antica nella Facoltà di Lettere e Filosofia. Ricoprì in quegli anni anche l'incarico di soprintendente ad interim nella Soprintendenza alle opere d'arte e di antichità della Sardegna. Si occupò inoltre di numerosi scavi, tra i quali quelli nell'anfiteatro romano di Cagliari e nella necropoli punica di Olbia. Alberto Pincherle era di Milano, classe 1894. Giunse a Cagliari nell'ottobre del '37. Camillo Viterbo era nato a Trieste nel 1900, il 16 dicembre del '36 fu nominato professore ordinario di Diritto commerciale alla Facoltà di Giurisprudenza, in seguito ricevette l'incarico di Storia politica coloniale e di Diritto industriale. I tre docenti furono sospesi e allontanati dall'insegnamento in ottemperanza alla disposizione emanata dal Ministero dell'educazione che obbligava gli atenei ad espellere i professori ebrei. Vennero poi reintegrati nel gennaio del '44, in seguito all'abrogazione delle leggi razziali. Solo Pincherle rientrò nell'ateneo cagliaritano per poi trasferirsi nel '48 all'università di Roma. 

La mostra 2023, organizzata dal dipartimento di Storia, beni culturali e territorio e dall'Archivio storico di UniCa con la direzione scientifica di Francesco Atzeni, è stata curata da Mariangela Rapetti, Gianluca Scroccu ed Eleonora Todde. 

Lunedì il convegno "La forza del ricordo come antidoto del male" . Interverranno il rettore Francesco Mola, il professor Michele Camerota e Maurizio Molinari, direttore responsabile del quotidiano nazionale La Repubblica. Modererà il dibattito Federico Geremicca, giornalista del giornale La Stampa. L'evento è curato dai docenti Andrea Corsale, Luca Lecis, Marco Pignotti, Ignazio Putzu e Gianluca Scroccu. Al termine della giornata verrà scoperta una targa commemorativa in ricordo dei tre docenti dell'ateneo colpiti dalle leggi razziali.