Operazione contro il bracconaggio: tre persone individuate dai carabinieri

Sequestrato anche il materiale

Intervento dei carabinieri del Cites contro il bracconaggio a Cagliari. L' operazione denominata "Sardegna Meridionale" mira a presidiare le rotte migratorie dell'avifauna nel sud dell'isola, in particolare nei canneti dello stagno di Molentargius soprattutto nei luoghi già segnalati dai volontari Lipu.
Zone che, insieme ai rilievi del Sulcis e del Sarrabus, sono tra i punti caldi del bracconaggio italiano e per questo chiamati "Black Spot" dal Piano d'Azione Nazionale per il contrasto degli illeciti contro gli uccelli selvatici.

La campagna di contrasto in meno di una settimana ha consentito di individuare tre persone, già note in quanto già sorprese per gli stessi fatti negli anni precedenti, ritenute responsabili tra l'altro di uccisione di animali e ricettazione.
Sono stati sequestrati 135 storni morti, tre testuggini sarde vive e altre tre testuggini di terra ancora in vita. Sequestrato anche tutto il materiale utilizzato dai
bracconieri: scafandri, stivali, giubbotti.