Autismo, un percorso dedicato in aeroporto

L'iniziativa è finalizzata a rendere l'ambiente aeroportuale un luogo accogliente e sereno, predisponendo, per le persone con autismo ed i loro accompagnatori, un percorso di assistenza mirato

L'aeroporto di Alghero diventa a misura delle persone con autismo. La Sogeaal, società che gestisce la struttura, e l'Enac, hanno annunciato oggi l'adesione dello scalo di Fertilia al progetto "Autismo-In viaggio attraverso l'aeroporto" ideato dalla stessa Enac con la collaborazione di Assaeroporti, delle società di gestione aeroportuale italiane e il coinvolgimento delle associazioni di settore. L'iniziativa è finalizzata a rendere l'ambiente aeroportuale un luogo accogliente e sereno, predisponendo, per le persone con autismo ed i loro accompagnatori, un percorso di assistenza mirato e dedicato per affrontare il viaggio con più tranquillità. Per questo progetto, ad Alghero la Sogeaal si è avvalsa della preziosa collaborazione dell'associazione "Il mio amico speciale" che ha come scopo l'inclusione socio-sportiva dei bambini e dei ragazzi con autismo. Le informazioni sul progetto e sull'assistenza offerta possono essere consultate direttamente sul sito internet dell'aeroporto. "Tutti hanno il diritto di viaggiare e di viaggiare nel modo migliore. Il risultato dipende da noi, dal nostro impegno personale e quotidiano e dal costante dialogo con le associazioni del territorio per contribuire a fornire un'esperienza di viaggio serena e di qualità e far sì che tale diritto si realizzi concretamente", ha commentato l'amministratore delegato di Sogeaal, Alberto Perini nel corso dell'incontro organizzato per presentare il progetto. "Con Alghero, aumenta la rete degli aeroporti che hanno aderito a questo progetto Enac che si inserisce nell'ambito delle molteplici attività dell'Ente finalizzate alla tutela dei diritti dei passeggeri e delle persone con disabilità", ha chiuso il direttore Tutela dei Diritti dei Passeggeri dell'Enac, Mark De Laurentiis.