Scalzi, tutto pronto per la corsa di San Salvatore

Il sindaco Abis: ''Rilanciare l'evento in una forma più strutturata''

Ritorna a Cabras la Corsa degli scalzi dopo due anni di stop per la pandemia. Il clou con is curridoris con il saio bianco che, tra sabato 3 e domenica 4 settembre, onoreranno il rito portando a piedi nudi il simulacro del santo Salvatore tra Santa Maria Assunta e la chiesa campestre.

Giovedì 1 settembre la solenne processione dal santuario di San Salvatore a "sa cruxi e zanda". Sabato 3 si entra nel vivo. Dopo la recita del rosario e la messa presieduta dall'arcivescovo Roberto Carboni, alle 7.30 is curridoris muoveranno i primi passi di corsa, partendo dalla chiesa di Santa Maria Assunta, per accompagnare il simulacro del Santo verso il santuario campestre di San Salvatore.

Domenica 4 la giornata inizia alle 10.30 con la solenne processione lungo le strade di San Salvatore di Sinis, accompagnata dalla fisarmonica di Giuseppe Pintus e da is Cantadoris di Cabras. Alle 17.30 is curridoris con indosso il saio bianco si raduneranno nel villaggio per la messa che verrà celebrata nella chiesa dedicata al Salvatore, per poi ripercorrere la strada verso Cabras, ancora una volta scalzi e in corsa, e riportare alla Chiesa di Santa Maria Assunta il simulacro del Santo.

La festa prosegue la sera a Cabras con lo spettacolo pirotecnico e le esibizioni degli AlterEgo, Gabri Ponte e dj Andrea Camedda. La chiusura dei festeggiamenti religiosi e civili è fissata a San Salvatore per lunedì 5 settembre con la Santa Messa e il rientro di Santu Srabadoeddu, accompagnato dalle donne in abito tradizionale, a Cabras. Tutela della tradizione, turismo, ma anche sicurezza: la novità è l'assicurazione contro gli infortuni a salvaguardia di tutti i partecipanti. Molta attenzione anche al percorso della corsa.