Vaiolo delle scimmie, quinto caso in Sardegna

Il paziente, originario di Oristano, è in isolamento domiciliare e in buone condizioni di salute

E' stato diagnosticato dal laboratorio analisi dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Cagliari un caso di vaiolo delle scimmie su una persona residente in provincia di Oristano, che si trova attualmente in isolamento domiciliare. Le sue condizioni di salute sono buone. Si tratta del quinto caso in Sardegna: erano infatti quattro nell'ultimo bollettino di aggiornamento del ministero della Salute, pubblicato il 16 agosto. "La malattia decorre nella maggior parte dei casi in modo benigno, senza particolari complicanze - afferma Maria Valentina Marras, direttrice del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Asl di Oristano - con una guarigione che sopraggiunge dopo 2-3 settimane dall'inizio dei sintomi, supportata da terapia adeguata". I sintomi più comuni di questa patologia sono generalmente simil-influenzali e includono febbre, sonnolenza, dolori muscolari e mal di testa. Un'eruzione cutanea si sviluppa di solito da uno a tre giorni dopo l'inizio della febbre, ma può anche presentarsi prima dei sintomi generali e interessare il viso e le altre parti del corpo. Le lesioni cutanee spesso si presentano come papule, che tendono a evolversi in pustole e croste. La trasmissione può avvenire attraverso il contatto fisico stretto ma anche toccando oggetti contaminati quali vestiti, lenzuola, asciugamani, posate, dispositivi elettronici e superfici. "Vale la pena rassicurare la popolazione su questa malattia, che evolve nella stragrande maggioranza dei casi con una guarigione completa. Da ricordare anche che chi è stato vaccinato in passato per il vaiolo è protetto anche dal virus del vaiolo delle scimmie" conclude Marras.