Sicilia
    14 Agosto 2020 Aggiornato alle 19:28
    Cronaca

    Aggressione di Ferragosto a Partinico, quattro indagati

    Contestata l'aggravante dell'odio razziale. E' la decima aggressione in Sicilia negli ultimi due mesi, la seconda a Partinico in venti giorni.
    di Antonio Sansonetti
    Credits © Tgr Aggredito un giovane richiedente asilo
    Aggredito un giovane richiedente asilo
    Quattro guidatori, ognuno al volante delle quattro auto lanciate nella caccia al migrante la notte di Ferragosto fra Trappeto e Partinico. Sono indagati per lesioni aggravante dall'odio razziale. Individuati fra il gruppo di 15-20 che la notte di ferragosto ha aggredito cinque migranti minorenni e l'educatrice del centro che li accoglie. Fra gli aggrediti, quattro del Gambia e uno della costa D'Avorio, c'è chi ha una frattura al volto guaribile in 20 giorni.

    Erano andati a una festa in spiaggia, sono finiti per fuggire da un raid in piena regola. Gli aggressori hanno iniziato a insultarli minacciandoli di morte e poi a picchiarli, senza fermarsi neanche quando è arrivata l'operatrice col pulmino che li riportava in comunità. Parte l'inseguimento, da Trappeto a Partinico, e ancora  botte fino all'arrivo delle forze dell'ordine. Ma le targhe delle macchine vengono riprese da telecamere di sorveglianza. Da lì carabinieri e procura risalgono ai quattro indagati. 

    E' la decima aggressione in Sicilia negli ultimi due mesi, la seconda a Partinico in venti giorni, dopo il pestaggio a fine luglio del diciannovenne senegalese Khalifa Dieng. Nel grosso borgo di 32 mila abitanti sono accolti 259 migranti in 15 centri, dove ci si sente sotto assedio per l'ostilità crescente dei segmenti più disagiati della popolazione. Il sindaco De Luca
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Cronaca