Sicilia
18 Giugno 2019 Aggiornato alle 15:07
Cronaca

Telefonata minatoria al cronista del Giornale di Sicilia Leopoldo Gargano

La chiamata è arrivata al centralino: “Vi mettiamo una bomba e vi facciamo saltare tutti in aria". La direzione del quotidiano: "Andiamo avanti"
Credits © tgr
Telefonata minatoria nei confronti del giornalista Leopoldo Gargano, firma del Giornale di Sicilia. Stamattina intorno alle 10 al centralino del quotidiano è arrivata una telefonata: un uomo, senza fornire le proprie generalità, ha pronunciato le seguenti frasi: “Gargano scrive troppe minchiate”. “Qui parla la famiglia Lo Piccolo”. “Vi mettiamo una bomba e vi facciamo saltare tutti in aria". L’episodio è stato segnalato alla Polizia, cui è stato anche fornito il numero di cellulare di provenienza della chiamata. La direzione del Giornale di Sicilia ha scritto in una nota: "Questa direzione non può che prendere atto dell’ennesimo episodio di tentativo di intimidazione nei confronti del Giornale di Sicilia, che nelle sue cronache quotidiane ha il solo torto di raccontare fatti e notizie con obiettività, rigore professionale e completezza di informazione, senza fare sconti a nessuno. Cosa che evidentemente spiace a molti. Leopoldo Gargano è cronista esperto, attento e preparato. A lui dunque non possiamo che esprimere piena vicinanza e sostegno. Non sono certo episodi come questo, peraltro l’ultimo di una lunga serie, che ci impediranno di portare avanti la nostra missione: informare con obiettività, imparzialità e affidabilità, avendo come unico elemento di riferimento la ricerca assoluta della verità".

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca