Sicilia
    14 Dicembre 2019 Aggiornato alle 18:35
    Cronaca

    Omicidio a Piazza Armerina: si indaga sul movente

    Indaga la Squadra mobile.
    Rancori familiari. Potrebbe essere questo il motivo che ha spinto il trentenne Carlo Lo Monaco a uccidere a Piazza Armerina il padre Armando, di 53 anni, più volte denunciato per maltrattamenti familiari. L'omicidio è avvenuto in una macelleria della città nell'Ennese. Sotto gli occhi di diversi testimoni inorriditi, il trentenne ha accoltellato alla gola il padre, che da pochi giorni era tornato dalla Germania, dove aveva formato un'altra famiglia. Il parricida, che ora si trova in carcere, non lavorava e in passato aveva subito diversi trattamenti sanitari obbligatori per disagi di natura psichica. Più volte era stato denunciato per aggressioni verbali. Prima di compiere il folle gesto, aveva postato su Facebook un lungo messaggio in cui ha attaccato i migranti, Richard Gere, i massoni, i poliziotti definiti "corrotti", i pedofili e i giudici. 


    Il servizio di Letizia Vella

     
    watchfolder_TGR_SICILIA_WEB_559359_08.12.2 VELLA OMICIDIO MACELLERIA.mxf
    Le immagini del luogo del delitto.
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Cronaca