Caltanissetta, chiesto rinvio a giudizio per 104 furbetti del reddito di cittadinanza

Avrebbero usato la carta Rdc come un bancomat grazie a quattro commercianti 'compiacenti' che invece di vendere prodotti avrebbero dato loro contanti in cambio del 10-15%

Caltanissetta, chiesto rinvio a giudizio per 104 furbetti del reddito di cittadinanza
tgr sicilia
Reddito di cittadinanza

La Procura di Caltanissetta ha chiesto il rinvio a giudizio per truffa allo Stato di 104 percettori del Redditto di cittadinanza accusati di simulare acquisti utilizzando la tessera del sussidio come un bancomat. Secondo l'accusa i titolari di quattro negozi 'compiacenti' invece di vendere prodotti avrebbero dato loro soldi contanti, in cambio avrebbero trattenuto il 10-15% della somma 'spesa'. 

Sono 153 i capi di imputazione contestati nella richiesta di rinvio a giudizio firmata dal sostituto procuratore agli imputati dal sostituto Stefano Salicano e vistata dal procuratore aggiunto Santo Roberto Condorelli. Il procedimento è stato incardinato su indagini dell'operazione 'Cash point' della Digos della Questura di Caltanissetta.

Il sistema, è la tesi dell'accusa, si sarebbe avvalso della complicità di quattro commercianti, due pakistani e due afghani, e in tre mesi avrebbe avuto un 'giro' complessivo di soldi stimato in 125 mila euro. Agli atti dell'inchiesta sono confluite anche riprese video di esercizi commerciali e di controlli incrociati con Inps, Poste a banche. Nel procedimento tratta anche la posizione di 25 stranieri che avrebbero dichiarato il falso pur di ottenere il Reddito di cittadinanza. Il gip Graziella Luparello ha fissato l'udienza preliminare per il 17 giugno prossimo