Sicilia
23 Luglio 2019 Aggiornato alle 21:46
Cronaca

Omicidio Pompeo: 20 anni dopo riaperta l'inchiesta, 3 indagati

La Direzione distrettuale antimafia di Palermo ha inviato gli avvisi di garanzia a tre persone già coinvolte nell'operazione "Fratellanza", portata avanti a Favara nel 2000, l'anno successivo all'omicidio del ragazzino
di Agnese Licata - montaggio: Nicola D'Addelfio

Sono trascorsi più di 20 anni da quel 22 aprile del 99 quando alcuni colpi di fucile raggiusero questa jeep su cui stava viaggiando - tra Favara e Villaggio Mosè -  il piccolo Stefano Pompeo, di 11 anni. Per lui non ci fu scampo. 

Ora, per quell'omicidio, ci sono i primi tre iscritti nel registro degli indagati. Come raccontano oggi La Sicilia e Grandangolo, la Direzione distrettuale antimafia di Palermo ha firmato gli avvisi di garanzia per Vincenzo Quaranta e i fratelli Pasquale e Gaspare Alba. Nomi fatti già anni fa dal pentito Maurizio Di Gati ma che ora sarebbero stati confermati dalle dichiarazioni di un nuovo collaboratore di giustizia: Giuseppe Quaranta. Una vicenda su cui era stata riportata l'attenzione recentemente anche dal docu-film di Gero Tedesco "Quasi 12 - nessun colpevole". 

La ricostruzione degli inquirenti resta quella fatta già nei giorni successivi all'omicidio: un errore dei sicari che pensavano di trovare a bordo di quella Toyota il suo proprietario, Carmelo Cusumano. E invece quell'auto era stata presa dal genero - Vincenzo Quaranta (omonimo dell'indagato) - per andare a prendere il pane insieme a Stefano, il figlio del macellaio invitato alla festa di Cusumano per occuparsi di un maiale. Sullo sfondo una guerra tra i Cusumano e i Vetro, tra Cosa nostra e Stidda. 

Un anno dopo quell'omicidio, la mafia di Favara pagò a caro prezzo quell'errore, con l'operazione "fratellanza" che portò in carcere 34 esponenti delle due organizzazioni criminali, compresi i 3 nuovi indagati.  Ma nessuno, fino ad ora, era stato accusato della morte di Stefano Pompeo, un ragazzino al posto sbagliato nel momento sbagliato.  

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Cronaca