Sicilia
    02 Marzo 2021 Aggiornato alle 14:38
    Cronaca

    Un'altra casa di riposo-lager a Palermo: 4 gli arresti

    Schiaffi, pugni, insulti, minacce e poi anche farmaci per sedare. Le telecamere nascoste dalla Guardia di finanza hanno scoperto tutto questo all'interno della comunità alloggio "I nonnini di Enza"
    di Agnese Licata - immagini: Toni Pellerito - montaggio: Pino D'Angelo

    Gli schiaffi, i pugni, non erano solo minacciati, all'interno della casa alloggio "I nonnini di Enza", gestita da una onlus in un quartiere residenziale di Palermo. Gli episodi registrati dalle telecamere della Guardia di finanza sono continui, per i motivi più banali: perché non si mangia quello che si ha nel piatto, perché non si vuole mettere la vestaglia. Violenze che, secondo le indagini, arrivavano fino a obbligare gli ospiti a prendere psicofarmaci non per motivi terapeutici ma solo per sedarli e non doversi occupare di loro. 4 persone sono finite in carcere, con l'accusa di maltrattamenti e lesioni personali, oltre al mancato rispetto delle norme anti-Covid. Nessuno infatti indossava la mascherina, nella casa di risposo. Gli arrestati sono: Vincenza Alfano, 27 anni, la titolare, accusata di essere a conoscenza dei maltrattamenti e non averli denunciati. L'unica a risultare nei documenti e ad avere un titolo di operatore sociale. Accanto a lei, in carcere anche Maria Grazia, Carmelina e Mariano Ingrassia, tutti parenti e senza alcuna formazione.  

    L'inchiesta, come spiega il comandante provinciale della Guardia di finanza di Palermo Antonio Quintavalle Cecere, è partita dalla telefonata disperata di una delle ospiti a un'altra casa di risposo. 

    Tra gli episodi più violenti, anche la frattura di una mano per un'anziana colpita con una bottiglia di plastica. Portata in ospedale, è stata obbligata a dire di essersi fatta male da sola.

    Ora gli anziani saranno sottoposti a controlli medici per verificare le loro condizioni di salute. Sono risultati negativi al tampone. 
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Cronaca