I numeri

Sicilia, redditi delle famiglie bassi e prezzi in calo

I dati di Istituto Tagliacarne e l'elaborazione dell'Unione dei consumatori

Il reddito delle famiglie del Mezzogiorno cresce di più rispetto al resto d’Italia ma il divario con il Nord rimane altissimo. 

Redditi delle famiglie, Enna ultima in Italia
I dati dell’Istituto Tagliacarne sul reddito disponibile delle famiglie tra il 2019 e il 2022 a prezzi correnti vedono al Sud un incremento del 9,1 per cento, più alto rispetto alle altre zone del Paese. Ma guardando ai numeri del reddito pro capite delle famiglie il divario tra la prima, Milano, con quasi 33mila euro, ed Enna, ultima, con 13.700 euro, resta abissale. 
Tra le province siciliane è Ragusa quella con il più alto reddito pro-capite disponibile delle famiglie consumatrici, con quasi diciassettemila euro, seguita da Messina e Catania. Enna, ultima, è però tra le dieci province italiane in cui il reddito è cresciuto di più rispetto al pre-Covid.

Prezzi, Sicilia in deflazione a novembre
L’Unione nazionale consumatori elaborando i dati Istat ha invece fato una fotografia relativa al caro prezzi. E se l’inflazione morde ancora in diverse città italiane, in quelle siciliane invece i prezzi a novembre scendono, tranne che a Palermo dove restano invariati. A Trapani calo dell’1,1 per cento, il secondo dato più virtuoso in Italia dopo Reggio Emilia. La Sicilia è la terza regione italiana per calo dei prezzi, dopo Molise e Abruzzo.