Leonardo da Vinci, un documento svela il segreto della madre

Un atto trovato dallo studioso Carlo Vecce nell'Archivio di Stato di Firenze riscrive la storia di Caterina, giovane schiava originaria della Circassia

Un documento originale, ritrovato dallo studioso Carlo Vecce nell'Archivio di Stato di Firenze, riscrive la storia di Caterina, madre di Leonardo da Vinci: una giovane originaria dell'antica Circassia, regione del Caucaso, arrivata come schiava a Firenze e liberata con un atto scritto dal notaio Piero da Vinci, padre di Leonardo, il 2 novembre 1452. A renderlo noto lo stesso Vecce che proprio da questo atto ha fatto partire la sua ricerca che lo ha portato poi a pubblicare con Giunti 'Il sorriso di Caterina', biografia romanzata della madre del Genio da Vinci. "La madre di Leonardo era una ragazza della Circassia - rivela Vecce, professore dell'Università di Napoli e studioso della civiltà del Rinascimento - che a un certo punto della sua vita è stata rapita e venduta più volte come schiava fino ad arrivare da Costantinopoli a Venezia e poi a Firenze dove ha incontrato il padre di Leonardo da Vinci". L'ipotesi che Caterina potesse essere una schiava girava però da tempo. "Un po' per caso, qualche anno fa, sono venuti fuori questi documenti e ho iniziato a studiarli per dimostrare che questa Caterina schiava non fosse la madre di Leonardo, ma alla fine tutte le evidenze andavano in direzione contraria, soprattutto questo documento di liberazione". Con le parole "filia Jacobi eius schlava sue serva de partibus Circassie", l'atto ritrovato attesta la liberazione della schiava Caterina, figlia di Jacob, da parte della sua padrona di Firenze, monna Ginevra.