Trento
14 Dicembre 2018 Aggiornato alle 14:07
Politica & Istituzioni

Libertà di stampa: il comunicato Usigrai e la replica della Rai

Il sindacato dei giornalisti Rai: "proponiamo la lettura di uno dei fondamentali diritti dei cittadini". L'azienda: "la libertà di informare non si dichiara ma si pratica"
Credits © TgrTrento L'Articolo 21 della Costituzione
L'Articolo 21 della Costituzione
Il comunicato dell'Usigrai (il sindacato dei giornalisti Rai):
"Da oggi in tutta Italia i quotidiani in edicola usciranno con una pagina dedicata all'articolo 21 della Costituzione, aderendo così all’iniziativa unitaria della Federazione Italiana degli Editori e della Federazione Nazionale della Stampa Italiana in difesa della libertà di stampa.
Pur sapendo che la Rai non è associata Fieg, ma ancor di più perché concessionaria di Servizio Pubblico, l’Usigrai ha chiesto all’Azienda di partecipare. Per motivazioni che non possiamo condividere la Rai ha deciso di NON aderire all’iniziativa e per questo è l’Usigrai a proporre la lettura di uno dei fondamentali diritti per tutti i cittadini: quello di informare e di essere informati liberamente".
Costituzione Italiana. Articolo 21. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure".

Questa la replica aziendale:
“La RAI ricorda che la libertà di informare non si dichiara ma si pratica e il servizio pubblico lo fa ogni giorno con le proprie testate, su tutti i canali e su tutte le piattaforme, garantendo totale libertà di espressione ai propri giornalisti.
Oggi la nostra solidarietà va alla collega Maria Grazia Mazzola del Tg1 vittima di una aggressione durante un servizio giornalistico, per la quale la Procura della Repubblica di Bari ha ravvisato l’aggravante di tipo mafioso”.

Potrebbero interessarti anche...

Altri articoli da Politica & Istituzioni