Trento
17 Novembre 2019 Aggiornato alle 12:47
Cronaca

Al Bus del diaol ad Arco

Salvi i cinque speleologi bloccati nella grotta

Erano rimasti intrappolati a causa dell'aumento del livello dell'acqua. Imponente la mobilitazione dei soccorsi
Credits © Tgr Trento L'intervento dei soccorritori all'interno della grotta
L'intervento dei soccorritori all'interno della grotta
Sono sani e salvi i cinque speleologi rimasti bloccati per qualche ora all'interno della grotta del "Bus de Diaol", alla Moletta di Arco, a causa di un improvviso innalzamento del livello dell'acqua dovuto alle abbondanti precipitazioni del fine settimana.

L'allarme era scattato verso le 20 di domenica, dopo che la comitiva, composta da cinque bolzanini, non era rientrata all'orario stabilito. Ci è voluta tutta la notte per mettere in salvo il gruppo.

L'intero apparato della Protezione civile del Trentino si è mobilitato in una imponente operazione di soccorso che ha coinvolto il soccorso alpino e speleologico del Trentino e del Veneto, i vigili del fuoco volontari di Arco, il nucleo speleo e fluviale dei vigili del fuoco di Trento, oltre alle forze dell'ordine.

A guidare i soccorritori, gli stessi speleologi battendo dei sassi contro le rocce. I cinque sono stati tutti recuperati dopo un massiccio e contestuale intervento con le idrovore che hanno pompato l'acqua in eccesso all'interno della grotta: un cunicolo di 500 metri a 150 di profondità.

I cinque sono stati recuperati sani e salvi senza alcuna necessità di un intervento dei sanitari.

La grotta, spiega una nota del Soccorso Alpino trentino, "si sviluppa in orizzontale ed è caratterizzata dalla presenza di sifoni di sabbia: a bloccare i cinque escursionisti è stato il secondo sifone, che si è chiuso dietro di loro riempiendosi di sabbia e acqua".

Il sifone in questione è stato svuotato solo alle 6 della mattina del 4 novembre, attraverso la mobilitazione di 43 soccorritori anche dal Veneto e di due pompe a immersione. Terminata questa operazione, si è iniziato a scavare per togliere il deposito di sabbia che ancora ostruiva il passaggio. 

 
Soccorso alpino e speleologico trentino in azioneSoccorso alpino e speleologico trentino in azione

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca