Trento
17 Novembre 2019 Aggiornato alle 12:47
Politica & Istituzioni

Il comune di Predappio nega il contributo per il "Treno della memoria"

L'iniziativa è organizzata dall'associazione trentina Deina. Dure critiche al no del sindaco di Predappio. Il ministro Fioramonti: "il sindaco faccia quel viaggio con noi"
Credits © TgrTrento La scritta sul cancello di Auschwitz
La scritta sul cancello di Auschwitz
Il Comune di Predappio ha negato il contributo a due studenti per partecipare al progetto "Promemoria Auschwitz-Treno della Memoria", organizzato dall'associazione trentina Deina. Molte le polemiche per il diniego, che il sindaco ha motivato col fatto che si tratterebbe di un'inizativa "di parte". In una nota, Deina ricorda che il progetto coinvolgerà nel 2020 oltre 2000 giovani e ringrazia chi si sta impegnando affinché - scrive - due ragazzi di un comune con una storia ingombrante possano salire sul treno con noi.

Sulla vicenda interviene anche il Ministro dell'istruzione  Lorenzo Fioramonti: "In questi anni il Viaggio della Memoria organizzato dal Ministero dell'Istruzione ha permesso a migliaia di studenti di vedere, conoscere e ascoltare dalle parole dei sopravvissuti cio' che e' stato Auschwitz. Una parentesi buia e incancellabile della storia europea. Una lezione contro ogni forma di odio, discriminazione e violenza". 
"Al sindaco del comune di Predappio - scrive Fioramonti - rivolgo quindi un invito: venga con noi ad Auschwitz il prossimo gennaio. Il Ministero si impegna a coprire le sue spese e quelle per il viaggio negato allo studente. Il sindaco potrà viaggiare con gli altri duecento studenti delle scuole finaliste del bando di concorso sulla memoria che saranno premiati al Quirinale dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Lo scorso anno seguimmo il viaggio del Treno della memoria. Qui il diario di quella esperienza 

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Politica & Istituzioni