Trento
18 Settembre 2020 Aggiornato alle 08:38
Cronaca

Vertice al Commissariato del Governo

Nel 2019 una patente su due è stata sospesa per guida in stato di ebbrezza

Saranno potenziati i controlli sia ordinari che straordinari sulle strade principali strade della provincia
Credits © Tgr Trento La polizia stradale durante un controllo
La polizia stradale durante un controllo
Nel 2019 in Trentino, con un trend in linea a quello degli anni precedenti, sono state sospese 1.737 patenti di guida, di cui 842 per guida in stato di ebbrezza, 63 per guida in condizioni alterate da assunzione di stupefacenti, 197 per superamento dei limiti di velocità e 286 per sorpasso vietato.

Il dato è emerso nel corso di un vertice sulla sicurezza stradale presieduto dal Commissario del Governo, Sandro Lombardi, al quale hanno partecipato il Questore Garramone, il Comandante Provinciale dei Carabinieri Salotti, il Dirigente Sezione Polizia Stradale Tognarelli, e i Comandanti delle Polizie Locali.
 
La riunione è stata convocata per esaminare, su sollecitazione del Ministro dell’Interno, il tema della prevenzione e del contrasto all’incidentalità stradale

Dai dati è emerso che oltre la metà degli automobilisti cui è stata sospesa la patente guidava in stato di ebbrezza o in condizioni alterate dal consumo di stupefacenti.

A seguito dell’analisi dei dati, il Commissario del Governo ha sottolineato l’importanza dell’educazione stradale nelle scuole per sensibilizzare i giovani sulla pericolosità della guida in stato di ebbrezza o in stato di alterazione psicofisica per assunzione di stupefacenti. Ha altresì posto l’accento sul rischio per utilizzo degli smart-phone alla guida causa, tra le più frequenti, di sinistrosità stradale.
 
Il Prefetto Lombardi, ha poi evidenziato la necessità che venga, ancor di più, potenziata l’attività di controllo sul territorio attraverso “mirati” servizi di prevenzione.
 

In tale prospettiva si è condivisa la necessità di organizzare efficaci controlli, in forma coordinata tra la Polizia Stradale, l’Arma dei Carabinieri e le Polizie Locali, organizzando in fasce orarie ritenute più  a rischio servizi di controlli straordinari e simultanei su tutto il territorio provinciale e sui tratti di strada a maggior rischio di sinistrosità anche in ragione della vicinanza a locali notturni e/o a zone di aggregazione caratterizzate dalla circolazione di un più alto numero di veicoli. Tali controlli verranno svolti con il concorso di personale sanitario.
 

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca