Trento
01 Dicembre 2020 Aggiornato alle 23:11
Cronaca

Lo annuncia il sindaco Finato. Necessaria la prescrizione medica

Tamponi, screening anche in Trentino. Il primo Comune è Cavalese

"Se dai dati saremo zona rossa, allora ci adegueremo". Così il primo cittadino sull'imminente centro tamponi comunale. Obiettivo: testare i cittadini per alleggerire il carico alle strutture sanitarie. E altri tre Comuni trentini si accodano
Credits © TgrTrento Tamponi rapidi in farmacia
Tamponi rapidi in farmacia
Tamponi rapidi in Trentino, non solo nei punti drive through dell'azienda sanitaria e nei laboratori privati, ora anche anche i Comuni scendono in campo per aumentare le possibilità di screening.

A lanciare l'iniziativa il sindaco di Cavalese Sergio Finato. 

"L'ospedale è sotto pressione", dice, per questo proprio a Cavalese verrà creato il primo centro tamponi comunale con la presenza di sanitari disponibili a effettuare i test. L'appuntamento dovrebbe essere per l'ultimo weekend di novembre.

Tutti gli interessati potranno sottoporsi al tampone in forma completamente gratuita, dopo aver contattato il proprio medico di base che fornirà l'impegnativa per l'esame.

I risultati saranno comunicati alla Provincia, che deciderà se vi siano i presupposti perché Cavalese diventi una zona rossa, come già avvenuto in altre località. "Non ritengo - conclude il sindaco - si debba aver paura se questo avverrà. Saremo in grado di salvaguardare con maggiore efficacia la salute dei cittadini", spiega Finato.

Altri tre Comuni trentini si sono già accodati all'iniziativa di Cavalese, che potrebbe presto ricevere altre adesioni, in scia anche dello screening di massa svolto in Alto Adige

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca