Trento
13 Giugno 2021 Aggiornato alle 20:39
Cronaca

Aggressione di Ranzo: la vittima inseguita anche fuori dall'auto

I Carabinieri hanno ricostruito l'accaduto. L'aggressore ha colpito con delle forbici e ha tentato di inseguire la donna che fuggiva in auto
Credits © TgrTrento I Carabinieri a Ranzo
I Carabinieri a Ranzo
I motivi dell'aggressione restano ancora oscuri. Ma la dinamica dell'accoltellamento della volontaria della Caritas di Ranzo, assume contorni più chiari. Ricostruita passo passo dai carabinieri.

Nonka Adama, quarantenne originario della Costa d'Avorio con regolare permesso di soggiorno in Italia, già noto alle forze dell'ordine, da cinque giorni era ospite della canonica di Ranzo dove aveva cominciato a lavorare in un'azienda agricola.
All'alba Luciana Rigotti lo ha fatto salire sulla sua auto, sui sedili posteriori, per accompagnarlo a una visita. Lui l'ha aggredita alle spalle con delle forbici: fendenti al torace e al collo. Lei ha accostato, è scesa dall'auto, si è accasciata a terra. Lui la ha raggiunta e aggredita ancora. La donna è risalita in auto, l'uomo ha tentato di rincorrerla, si è aggrappato alla portiera, trascinato finché non ha mollato la presa cadendo a terra, spiegano le forze dell'ordine.
Poi è fuggito nei boschi scendendo fino a Sarche, dove i vigili del fuoco di Calavino lo hanno scorto nel pomeriggio e i carabinieri lo hanno arrestato "quasi" in flagranza di reato per tentato omicidio e lesioni personali ("quasi" è la definizione adottata dai Carabinieri per indicare un arresto avvenuto non proprio al momento del reato ma a seguito dell'inseguimento iniziato subito dopo la commissione del reato).
Inequivocabili i segni sull'uomo, dicono i militari: il sangue addosso, le ginocchia sbucciate, le escoriazioni procuratesi aggrappandosi all'auto. C'è un'altra ipotesi di accusa: incendio doloso. Perché quando i militari sono entrati nella stanza dell'uomo in canonica, il suo materasso era in fiamme. E' stato trovato l'accendino, così come il cellulare, di cui l'uomo si era disfatto. Si cercano ancora le forbici con cui ieri si era dato alla fuga. 
watchfolder_TGR_TAA-TRENTO_WEB__SEGUITO AGGRESSIONE DOSSI.mxf

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca