Trento
03 Dicembre 2021 Aggiornato alle 13:36
Cronaca

Omicidio Agitu, processo rinviato al 14 febbraio. Scelto il rito abbreviato

In aula i familiari dell'imprenditrice uccisa. Per la difesa il movente è stato economico, le parti civili ribattono: "è stato un femminicidio"
Credits © Tgr Rai Trentino
In aula anche i familiari di Agitu: la sorella Bethelehem Ideo GudetaIn aula anche i familiari di Agitu: la sorella Bethelehem Ideo Gudeta
E' stato rinviato al prossimo 14 febbraio il processo per l'omicidio di Agitu Ideo Gudeta, l'imprenditrice etiope di 42 anni uccisa in Val dei Mocheni il 29 dicembre dello scorso anno.

Il suo assassino, Suleiman Adams, ghanese di 33 anni, che ha confessato il delitto, verrà giudicato con rito abbreviato: è accusato di omicidio volontario e violenza sessuale con l'aggravante della minorata difesa. Al momento si trova nel carcere di Spini

A presenziare alla prima udienza due sorelle e un fratello di Agitu, arrivati dagli Stati Uniti, che si sono costituiti parte civile. "Siamo qui per ottenere giustizia e per non disperdere quello che Agitu aveva costruito" hanno detto a margine dell'udienza.

Quando il processo entrerà nel vivo, al centro del dibattito ci sarà soprattutto il movente dell'omicidio: per gli avvocati di parte civile si è trattato di un femminicidio in piena regola e su questo insisteranno; per la difesa di Adams, invece, il movente è prettamente economico, dettato dal presunto mancato pagamento di uno stipendio.


guarda il servizio di Maddalena Boggiano
Fratello e sorella di Agitu hanno assistito all'udienzaFratello e sorella di Agitu hanno assistito all'udienza

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca