Trento
27 Gennaio 2022 Aggiornato alle 15:39
Economia & Lavoro

Quarta ondata

Covid, nelle piccole imprese trentine, a casa oltre il 25% dei lavoratori

Picchi importanti ma isolati, spiega Confindustria. Il comparto più colpito è l'alimentare. Mediamente le aziende devono fare i conti con assenze del 7%. Ecco i risultati dell'analisi per monitorare gli effetti dei contagi sul lavoro
Credits © @tgr Un lavoratore in una impresa trentina
Un lavoratore in una impresa trentina
La quarta ondata costringe a casa mediamente il 7% dei lavoratori delle imprese trentine, con "picchi importanti, ma isolati" che superano anche il 25% nelle realtà più piccole.

È la tendenza registrata dal Centro Studi dell’Associazione nell'analisi per monitorare gli effetti dell’inasprimento dei contagi e dell’aumento delle misure di isolamento e quarantena sul mondo produttivo.

Circa 150 le aziende che hanno risposto al questionario, realtà diverse per dimensione e settore.

Il comparto più colpito, con una media che supera il 14%, è quello alimentare. Manca circa il 10% del personale delle imprese della Carta, Grafica, Editoria e degli Impianti a Fune, ma

anche della sezione Servizi alle Imprese Engineering e Finanza.

Tra i settori per i quali l’incidenza dei contagi e delle assenze, invece, è minore ci sono: Energia e servizi per l’ambiente (0,3%), sistema Moda, attività estrattive, lapidei, porfido e materiali da costruzione (3,8%).

Circa il 30% delle aziende prevede di diminuire la propria produzione a causa delle assenze che costringono a lavorare a regime limitato. Numerose aziende comunicano di avere fissato come soglia limite il 10%, oltre la quale dovranno prevedere lo stop temporaneo della produzione.


“Tra le preoccupazioni più grandi degli imprenditori - spiega il direttore generale di Confindustria Trento Roberto Busato - il fatto che alcune figure, particolarmente qualificate, non possano essere sostituite temporaneamente. In molti casi, inoltre, ci vengono segnalati ritardi nell’esito dei tamponi di controllo per l’uscita dall’isolamento"

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Economia & Lavoro