Trento
15 Agosto 2022 Aggiornato alle 11:46
Arte & Cultura

Galassia Mart, nel nome di Michelangelo da Rovereto a Riva del Garda

L'idea di Vittorio Sgarbi: un tour nel Basso Trentino, dalla Vallagarina al lago
Credits © Archivio Vangi Giuliano Vangi, Maddalena nuda
Giuliano Vangi, Maddalena nuda
Un filo rosso nel nome di Michelangelo lega il Mart fra Rovereto,  Villalagarina e il Museo Alto Garda di Riva. 
L'idea della "Galassia MART" è del presidente del museo di Rovereto, ed ora anche  del MAG di Riva, Vittorio Sgarbi. 
Un museo diffuso sul territorio per invitare gli appassionati lungo un itinerario artistico fra Vallagarina e Lago di Garda. 
Il legame è Michelangelo, con opere di artisti da lui ispirati.
 
Giuliano Vangi, Giulia vestita di verdeGiuliano Vangi, Giulia vestita di verde
Si comincia con lo scultore contemporaneo Giuliano Vangi, nelle sale del museo di Rovereto. Nell'allestimento del padre del Mart, l'architetto Mario Botta, si svolge una ricerca di continuità e similitudini tra l’arte antica e l’arte contemporanea.
Le sculture e i disegni di Vangi si confrontano con le opere di alcuni grandi maestri del passato, tra cui Pisano, Donatello, Michelangelo.
Giuliano Vangi, Maddalena nudaGiuliano Vangi, Maddalena nuda
A Villalagarina , a Palazzo Libera dal 5 agosto, "Il bacio" del pittore pugliese Roberto Ferri dedicato all’amore tra Dante e Beatrice, gli amanti che non si sono mai sfiorati, diventano nell’opera i protagonisti di un appassionato bacio.
Il Bacio di Roberto ferri esposto a VillalagarinaIl Bacio di Roberto ferri esposto a Villalagarina
Ferri inventa e interpreta l’amore della coppia usando una tecnica classica che a partire dalla rilettura dell’opera di Michelangelo si nutre di Caravaggio e più in generale dell’esperienza artistica barocca. 
L’ingresso a Palazzo Libera è gratuito.
Orari: venerdì, sabato e domenica 10.00-12.00 e 16.00-19.00.
Simone Turra al Parco Guerrieri GonzagaSimone Turra al Parco Guerrieri Gonzaga
 A pochi passi dal Palazzo si trova il Parco Guerrieri Gonzaga, generosamente aperto al pubblico dai proprietari (dal mercoledì alla domenica, dalle 10.00 alle 18.00).
Fino al 30 ottobre, trovano collocazione alcune sculture dell’artista trentino Simone Turra.
La sua poetica si muove fra molti materiali, in particolare pietra, bronzo e terracotta, e mette al centro la figura umana, quasi sempre in scala reale.
Michelangelo Buonarroti Studio per un Cristo risorto 1532-1533  Michelangelo Buonarroti Studio per un Cristo risorto 1532-1533
Infine al MAG di Riva del Garda sono esposti i disegni autografi di Michelangelo per la Cappella Sistina.
Fogli che vanno da studi di singole membra, figure isolate di ignudi reggifestone, figure nelle più varie posizioni, con capolavori quali gli studi, in due fogli, per la Cacciata dal Paradiso terrestre della Volta.
Vengono inoltre presentati alcuni disegni preparatori per il Giudizio Finale, dallo studio d’insieme a quelli per singole figure.
Michelangelo Buonarroti, Studio di un braccio per una figura nella Volta Sistina 1509-1510 circa Michelangelo Buonarroti, Studio di un braccio per una figura nella Volta Sistina 1509-1510 circa
 Nell'idea di Sgarbi un itinerario fra arte e paesaggio alla scoperta del dialogo fra Buonarroti e l'arte contemporanea.

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Arte & Cultura