Trento
19 Dicembre 2018 Aggiornato alle 06:31

L'attesa di San Nicolò in tante case del Trentino

Una ricorrenza molto sentita nel nord Europa ma anche in alcune valli del Trentino dove i bambini attendono sempre con gioia l'arrivo nelle case del Santo buono seguito da angeli e krampus

San Nicolò fa capolino nella notte per la gioia e lo stupore dei bambini, il vescovo buono che in Val di Fassa e in alcuni paesi del Trenitno, così come in tutto il Tirolo e in parte dell'area germanica, torna in vita per visitare le case dei bambini, per sostenerli nell'essere buoni ed aiutarli ad obbedire.

Un rito fatto di gesti, carico di quella tenerezza tipica di chi ammaestra con fermezza ma senza prepotenza.
San Nicolò nelle notti del 5 e 6 dicembre porta con sè nelle case gli angeli, servi fedeli, e i krampus, i malans, demoniache figure tenute a bada dalla mano e dal pastorale del Vescovo. 

Qualche domanda, una preghiera, una promessa per la scuola o i doveri in casa e poi i doni e la carezza del Santo. Mentre si allontana il rumore delle catene e i versi spaventosi dei krampus si odono appena, resta nel cuore dei più piccoli la gioia di una notte speciale e già si fa largo il pensiero della prossima letterina a San Nicolò. 

Potrebbero interessarti anche...

Altri video da Arte & Cultura