Trento
01 Ottobre 2020 Aggiornato alle 19:53
Religioni

A Trento il gesuita John Dardis: "migrazioni? Il sistema si è rotto"

A Villa Sant'Ignazio per festeggiare il Santo è arrivato Jonh Dardis, consigliere generale per la pianificazione della Compagnia di Gesù. "Sono grato a chi opera dentro la Fondazione per aiutare chi ha bisogno" ha detto
di Cinzia Toller montaggio Alberto Grosello

Sant'Ignazio di Loyola si festeggia il 31 luglio ma quest'anno, a Villa Sant'Ignazio, per accogliere John Dardis testimone d'eccezione, è stata anticipata di un giorno : "Per me,  ha detto. Sant'Ignazio è vivere la fede con Passione e Compassione"
Una passione che vede i Gesuiti in prima fila sul fronte dell'immigrazione, ne ricorda la declinazione italiana Dardis con il centro Astalli - e visita per la prima volta quello di Trento, la Casetta bianca ora impreziosita dal grande murale dall'inequivocabile significato. "Il sistema è rotto, ha detto - per questo i migranti, i rifugiati vengono, si è rotto quello del mondo economico, sociale, c'è bisogno di una leadership diversa"
Incontrerà tutte le organizzazioni legate alla Fondazione Sant'Ignazio quelle che hanno continuato ad occuparsi dell'umanità a 360 gradi senza la presenza fisica ma con la regia dei Gesuiti: "Sono qui per dire grazie a tutti coloro che operano per aiutare chi ha bisogno"
16 mila i Gesuiti nel mondo e moltissimi collaboratori, oltre 80 mila, lavorare insieme per costruire una nuova narrativa è l'obiettivo dei gesuiti perché quella del denaro si è rotta dice: "Ora c'è bisogno della narrativa di Gesù"

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Religioni