Trento
11 Dicembre 2019 Aggiornato alle 22:13
Storie & Mestieri

Mezzolago di Ledro, il ritorno a casa degli esuli. Cento anno dopo

Più di 100 figuranti, oltre mille curiosi per la rievocazione storica organizzata dalla Proloco e promossa dal giornalista Dario Colombo
di Gabriele Carletti, montaggio di Paolo Bosatra

Cittadini, a nome del re vi do il benvenuto nel Regno d'Italia. La vostra nuova Patria

Le macerie e altra miseria. E perfino un nuovo sovrano a cui ubbidire. Ecco cosa attendeva gli abitanti della Val di Ledro al ritorno nelle proprie terre nell'agosto di 100 anni fa, dopo tre anni e mezzo di esilio in Boemia. Una storia che coinvolse e sconvolse 100mila trentini e che a Mezzolago non vogliono dimenticare. Così hanno recuperato abiti e uniformi del tempo. Oltre 100 figuranti hanno rievocato quelle giornate. Il mesto ritorno a casa a guerra abbondantemente finita, il comando del Genio militare italiano incaricato di accogliere le domande di risarcimento per i danni di guerra, il fortunoso recupero della statua della Madonna Ausiliatrice trafugata dal paese a inizio conflitto e ritrovata in vendita in una bancarella a Tremosine. Ad assistere oltre un migliaio di turisti e visitatori. E' l'atto finale della rievocazione del centenario per la Proloco di Mezzolago. Nel 2014 la partenza dei giovani ledrensi per il fronte con l'uniforme dell'esercito austroungarico, l'anno dopo l'ordine per anziani, donne e bambini di lasciare case, terra e animali perché il conflitto era alle porte. Ora la nuova pagina di storia scritta da chi sopravvisse all'inutile strage.

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Storie & Mestieri