Trento
16 Ottobre 2019 Aggiornato alle 19:29
Società

In aumento le truffe agli anziani. I consigli della polizia locale

Guida pratica per non darla vinta ai furfanti. Abbiamo incontrato il sovrintendente capo Marco Franceschini durante una lezione allo Spi-Cgil
di Gabriele Carletti

"Guardarsi molto ma molto dalle persone vestite bene"
L'abito, dunque, fa il truffatore. Marco Franceschini, sovrintendente capo della polizia locale di Trento, da 4 anni dà consigli antiraggiri agli anziani. Ne ha incontrati circa 1500.
"Sicuramente le più ricorrenti chiedono di firmare dei contratti truffa o chi ti propone presunti affari in strada"
Qui siamo alla sede della Cgil. Ruggero Purin.
"Non è solo il danno, il costo ma anche questa delusione di avere usato della buona fede"
Nel 2014 le truffe denunciate in Italia dagli over 65 erano state 14mila, due anni dopo sono lievitate a oltre 20mila. Un reato odioso e in crescita. 
Per non darla vinta a furfanti e ciarlatani bisogna fare esercizio di diffidenza. Evitare di dare il pin della propria carta di credito al telefono a sedicenti impiegati di banca. Mai poi, sottolinea Angelo Cappello di Federconsumatori, dare al telefono il Pdr o il Pod delle proprie utenze. Perché con quei dati le società possono cambiare gestore di luce e gas a propria insaputa. E, ancora, non cedere a richieste di soldi da parte di fantomatici avvocati per incidenti provocati da propri familiari. E mai avvenuti.

Non è semplice, conclude Purin, ma la soluzione non è barricarsi in casa. Anzi, avere contatti sociali e relazioni di buon vicinato è la migliore polizza antitruffa.

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Società