Trento
27 Settembre 2020 Aggiornato alle 18:25
Sport

Processo Schwazer. Il perito: "non è esclusa manomissione sulle urine"

A favore di Schwazer le ultime perizie del processo per doping. In aula Giampietro Lago, perito del gip Pelino e comandante del Ris di Parma parla della possibile manomissione dei campioni prelevati al marciatore
di Monica Pietrangeli, Paolo Tomasini, Georg Spornberger

In tribunale a Bolzano l'udienza che può risultare decisiva nel processo a carico di Alex Schwazer. In aula Giampiero Lago, colonnello dei Ris di Parma, incaricato dal Gip Walter Pelino di una complessa perizia. 37 atleti, di costituzione simile a quella del marciatore, si sono offerti volontariamente e hanno consegnato campioni della propria urina, così da offrire la possibilità di un confronto con le urine di Schwazer. In esse il primo gennaio 2016 era stata rilevata un'abnorme quantità di Dna, che aveva fatto dire alla difesa che questa fosse la prova della manomissione del reperto. I risultati della perizia esposti oggi in aula sono clamorosi: nessuno dei campioni ha una quantità di Dna che si avvicina anche solo minimamente ai valori riscontrati nelle urine del marciatore. I difensori di Schwazer sono ora ottimisti. Si attende la decisione del Gip.

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Sport