Un tuffo nel ghiaccio al lago Santo

Immersione a zero gradi per studiare gli effetti dell'ipnosi sulle reazioni del corpo umano

Nottata con temperature attorno ai -10°C. Superficie del lago Santo in valle di Cembra ghiacciata. Temperatura dell'acqua poco sopra lo zero.
Per Giorgio Martini ed Erick Gadotti le condizioni ideali per una immersione in costume da bagno.

Ma solo per sperimentare gli effetti dell'ipnosi sulle reazioni del corpo umano di fronte ad una forte sollecitazione.
Protagonisti il farmacista di Cembra Giorgio Martini, che è anche tirocinante psicologo, con Erick Gadotti. 
Dopo i preparativi di rito e gli esercizi mentali del caso, si sono immersi assistiti da vigili del fuoco, soccorso alpino e sanitari. Alcune bracciate avanti e indietro e poi di nuovo in superficie.
Non un bizzarro tuffo fuori stagione ma una immersione per svolgere test scientifici prima e dopo la performance. Che questo avvenga nell'ultima giornata del 2020 non può che essere un auspicio per un nuovo anno migliore.