Trento
05 Maggio 2021 Aggiornato alle 22:37
Arte & Cultura

Eugenio Cefis una storia italiana di potere e misteri

Il racconto di una vita di potere e d'intrighi: la storia di Eugenio Cefis scritta dal giornalista trentino Paolo Morando

Tenente dell'esercito, partigiano, grand commis di stato, prima come presidente Eni, subentrato dopo la morte di Enrico Mattei, e poi di Montedison , dal ‘71 al ‘77, anno del suo ritiro in Svizzera.

Ma Eugenio Cefis è stato molto di più: il protagonista di una stagione italiana di poteri e misteri.

Il libro su Cefis, uscito nel centenario della nascita, ci racconta passo, passo la storia di quella “razza padrona”, di cui hanno parlato, proprio a metà anni ‘70, Scalfari e Turani: un mix, cioè, di affari, politica e spregiudicatezza.

E la sua riservatezza fece fiorire scandali, inchieste e leggende tanto che Cefis fu messo in correlazione con numerosi scandali e fatti di cronaca.

Dal ‘77 fino alla morte, nel 2004 a Lugano, Cefis ricomparve pochissime volte in Italia, una di queste il 6 settembre 1985 in Tribunale a Trento per il processo Stava.

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Arte & Cultura