Trento
23 Luglio 2021 Aggiornato alle 19:03
Politica & Istituzioni

Trento, uno spazio pubblico per discutere il progetto del tram

Aprirà in estate a Palazzo Thun: la Giunta comunale si è impegnata a formulare una prima proposta entro l'autunno, per poi procedere alla progettazione esecutiva dei binari fra Gardolo e il centro storico. Con l'ipotesi di un prolungamento a Sud

Una proposta entro l'autunno, per poi passare alla progettazione esecutiva: è l'obiettivo della Giunta comunale di Trento, per la realizzazione di una linea tranviaria lunga circa 7 chilometri fra Spini di Gardolo e la stazione di piazza Dante. 

La scadenza è legata anche alla ripartizione delle risorse provinciali destinate alla mobilità, dice l'assessore Ezio Facchin, convinto che il tram non servirà solo a ridisegnare la mappa dei trasporti pubblici lungo l'asse di via Brennero. "Oggi - sostiene - abbiamo praticamente una semi-tangenziale interna a un grande quartiere della città, Trento Nord: un termine così dispersivo per il quale vorremmo trovare una maggiore identità".

Il Comune aprirà per l'estate a Palazzo Thun uno spazio di incontro (denominato Trento Lab) anche per confrontarsi con circoscrizioni, associazioni e cittadini. E ha tenuto per sé la competenza della progettazione preliminare: "E' importante - spiega Facchin - poter realizzare un' infrastruttura che cambia in positivo la città ma con un cambiamento ben condiviso e accettato".

La trasformazione della rete di mobilità potrebbe, del resto, non fermarsi a questa iniziativa (qui il nostro approfondimento). Il Consiglio comunale di Trento ha, infatti, approvato all'unanimità l'accordo con la Provincia che ipotizza un prolungamento del tram a sud della città, oltre l'anello di piazza Dante. Segno di una volontà condivisa. Ma su questa seconda parte del progetto non ci sono ancora decisioni definitive. 

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Politica & Istituzioni