Trento
04 Luglio 2022 Aggiornato alle 19:56
Turismo

L'assalto ai laghi trentini: "Qui è meglio del mare"

Tutto esaurito come prima della pandemia. E la formula del campeggio piace ai turisti (tra cui molti stranieri) che all'aria aperta dimenticano il Covid
di Andrea Selva

Nelle strutture ricettive della Valsugana il telefono squilla di continuo, ma la risposta è sempre la stessa: "Siamo al completo almeno fino al 25 agosto".

Da Caldonazzo a Levico non si trova nemmeno una piazzola libera, come conferma il titolare del lago di Levico Camping Village, Andrea Antoniolli: "C'erano parecchi dubbi a inizio stagione, però è andata bene e siamo contenti. La formula del campeggio, con la possibilità di stare all'aria aperta, di avere distanziamento, di usufruire di servizi propri e autonomi, dà sicurezza e fa dimenticare anche il momento del Covid".

Tanti gli arrivi dal nord Europa - soprattutto olandesi e tedeschi - che ora stanno cedendo il posto ai turisti italiani. Tutti alla ricerca di una combinazione di lago, montagna e sport. E per chi arriva da nord il Trentino è la prima opportunità di respirare quell'aria italiana che tanto piace al di là delle Alpi. Stefano Ravelli, direttore dell'Apt Alta Valsugana: "Gli stranieri apprezzano il respiro italiano, l'aria italiana, il divertirsi, la socialità".

E un piccolo turista olandese conferma. "Che ti piace qui?" "La pizza!", risponde.

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Turismo