Trento
19 Ottobre 2021 Aggiornato alle 13:26
Sport

Con Gimbo, i miti Fosbury e Sotomayor: a Trento la storia del salto in alto

All'auditorium Santa Chiara la celebrazione dell'oro olimpico di Tamberi, insieme alle leggende di Usa e Cuba. Mezzo secolo di storia dell'atletica. "Mai porsi limiti in questo sport" dice l'azzurro
di Francesco Maltoni

L'inventore del salto moderno, il primatista del mondo da 28 anni e l'oro olimpico in carica. Un momento forse irripetibile nella storia dell'atletica e del salto in alto.

All'auditorium Santa Chiara di Trento per celebrare Gianmarco Tamberi anche lo statunitense Dick Fosbury e il cubano Javier Sotomayor.

"Pazzesco averli qui - sospira l'azzurro - uno ha cambiato completamente il nostro sport, l'altro ne ha decretato il punto più in alto". Negli occhi dell'azzurro ancora i brividi della vittoria di Tokyo, arrivata dopo un tremendo infortunio e condivisa con l'amico Barshim. Ma il suo sogno non è cambiato: arrivare ancora più in alto.

"Ho guardato l'asticella a 2.45, a 2.50, a 2.60... - osserva Tamberi - non bisogna porsi limiti in questo sport. Nel momento in cui lo fai, non li supererai mai".

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Sport