Trento
02 Dicembre 2021 Aggiornato alle 20:26
Salute

Kompatscher: la provincia non fornirà più tamponi gratis alle farmacie

La provincia di Bolzano non fornirà più gratuitamente i kit per fare i tamponi alle farmacie altoatesine. Una decisione presa per cercare di arginare il fenomeno degli sconti; non sarà fissato, però, un prezzo minimo di mercato
di Simona Peluso, montaggio Hannes Depaoli

Erano rimaste le uniche, in Italia, a non dover acquistare sul mercato i kit per fare i test antigenici; dal 1° novembre, però, anche le farmacie altoatesine smetteranno di ricevere i tamponi gratuitamente dalla Provincia.  In questo modo, la Giunta  spera di porre un argine al fenomeno degli sconti su pacchetti di tamponi. 
Chi vorrà, potrà continuare a offrire i test a meno di 15 euro, ma non a spese dei contribuenti; non ci saranno divieti e non sarà fissato un prezzo minimo.
Bisognerà attendere qualche giorno per capire come la decisione impatterà sul mercato. 
Per il momento, davanti la farmacia Ferrari di Bolzano, ormai un caso per i suoi sconti, continuano a mettersi in fila ogni giorno centinaia di persone. Lo stesso non si può dire per le centri test pubblici.
Al Palaresia di Bolzano, sono stati effettuati ieri 132 tamponi su un potenziale di 1050; ma nonostante la bassa affluenza, l'azienda sanitaria ha chiesto al Comune di tenere tutte le linee aperte fino a venerdì. 
Se l'affluenza dovesse restare bassa, si chiuderà lunedì; c'è l'ipotesi di riaprire proprio il primo novembre, giorno in cui le farmacie inizieranno a pagare i tamponi. 
Nel servizio, le interviste al presidente della Provincia Arno Kompatscher e al sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi. 

					

Potrebbero interessarti anche...


					
						

Altri video da Salute