Acque agitate

I sindacati dei lavoratori di Sangemini e Amerino chiedono una maggiore valorizzazione dei due siti umbri

Acque agitate
TGR
Protestano i sindacati delle acque minerali

Durante l'incontro con la Presidente della Regione Donatella Tesei, il presidente di Acque Minerali d'Italia Massimo Pessina ha parlato di passi in avanti del piano quinquennale, in linea con gli obiettivi previsti, sollevando le critiche di FLAI-CGIL, FAI-CISL e UILA UIL che contestano il mancato rilancio dei due  siti di produzione umbri di San Gemini e Amerino. I sindacati attendono investimenti adeguati a marchi storici conosciuti in tutto il mondo.
Sotto accusa la politica commerciale di Acque Minerali d'Italia. Terminato l'inverno cominciano le stagioni che normalmente fanno registrare il picco produttivo e di vendite. Da parte dell'azienda servirebbe- secondo le organizzazioni sindacali-  una maggiore spinta commerciale su tutto il territorio nazionale. L'unico tavolo della vertenza è quello con i lavoratori-attaccano i sindacati, non invitati all'incontro in Regione che definiscono "inutile spot politico".