Le università italiane per la pace

Il documento è sottoscritto da 15 rettori italiani a conclusione della marcia Perugia-Assisi

Le università italiane per la pace
RAI
Le università per la pace

Costruire le difese della pace. Ispirato al contenuto dell'Atto Costitutivo dell'ONU per l'Educazione, la Scienza e la Cultura del 1945, a conclusione della marcia Perugia-Assisi nasce la Dichiarazione sottoscritta dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane. "La pace è vita e la cura della vita è pace. La pace - si legge nella dichiarazione - è lavoro, cibo, acqua, salute, istruzione, dignità, uguaglianza, giustizia, rispetto, fraternità, non violenza, libertà, dialogo, democrazia, legalità solidarietà, inclusione, accoglienza, responsabilità, diritti umani memoria". Il documento è sottoscritto da 15 rettori italiani, tra cui - primo firmatario - Maurizio Oliviero dell'Università di Perugia. L'impegno comune è di costruire il "Patto Educativo Globale", sollecitato da Papa Francesco, attraverso percorsi didattici; diffondendo la cultura  della pace; sviluppando gli studi accademici e interdisciplinari per la pace; investendo sulle giovani generazioni per formare i costruttori di pace. Tra i firmatari anche padre Marco Moroni, custode del Sacro Convento, Aluisi Tosolini, della Rete Nazionale delle Scuole di Pace e Flavio Lotti, del Comitato promotore della Marcia Perugia-Assisi.