Percepiva il reddito di cittadinanza, ma in realtà gestiva una palestra

Denunciato dai carabinieri di Acquasparta un 44enne ternano. Per lui anche una sanzione amministrativa di 3mila e 300 euro

Percepiva il reddito di cittadinanza, ma in realtà gestiva una palestra
cc
Carabinieri di Acquasparta

I carabinieri di Acquasparta hanno denunciato un ternano di 44 anni, disoccupato perché avrebbe percepito indebitamente il reddito di cittadinanza. I militari avrebbero accertato che il soggetto in questione, oltre a percepire indebitamente lo specifico sussidio sin dall'anno 2019, gestiva illegalmente un Centro di Attività Motorie, allestito all'interno di uno stabile di proprietà della madre, che è risultato essere privo delle previste certificazioni. All'uomo è stata quindi anche contestata una sanzione amministrativa di 3mila e 300 euro per la mancanza della segnalazione certificata di inizio attività al Comune di Acquasparta. Proprio il Comune, con una ordinanza, ha disposto la chiusura del Centro suddetto. Inoltre è stato attivato l’Ispettorato del Lavoro di Terni per la revoca del reddito di cittadinanza ed il recupero delle somme indebitamente percepite.