Cgil: preoccupano i tagli al tpl

Le conseguenze delle rimodulazioni della Regione sulle corse urbane ed extraurbane allarmano i sindacati. Quali effetti sull'occupazione

Cgil: preoccupano i tagli al tpl
LCC
Autobus a Perugia

La Cgil interviene ancora sul nodo del trasporto pubblico locale e lo fa con una nota in cui punta il dito contro la politica regionale che- si legge - non avrebbe dato risposta alle domande poste riguardo ai tagli già applicati. Si tratta di tagli strutturali alle corse urbane ed extraurbane finalizzati a un  riassestamento di circa 3 milioni e mezzo di euro. I sindacati avrebbero chiesto conto alla Regione delle ricadute occupazionali di queste rimodulazioni oltre che dei disagi che queste scelte potrebbero creare. Disagi ai cittadini, studenti e anziani in primis, ma anche ai turisti che in questa fase di ripresa - si legge nel comunicato- con il loro ritorno in Umbria stano segnando un importante volano di ripartenza economica. ''Attendiamo speranzosi- concludono- la riunione con l’ente programmata per il 26 maggio". L'assessore regionale ai trasporti Enrico Melasecche, che nei prossimi giorni incontrerà i rappresentanti sindacali, assicura che il personale del trasporto pubblico locale non verrà toccato. Le sigle confederali hanno già avviato le procedure di raffreddamento e nei prossimi giorni scenderanno in piazza accanto ai lavoratori.