Si schianta con l'auto e muore carbonizzato

È accaduto nella notte a Sant'Eraclio di Foligno. La vittima non è stata identificata. Prevale l’ipotesi che possa trattarsi dell’intestatario della vettura, un uomo di 56 anni residente a Spoleto

Si schianta con l'auto e muore carbonizzato
VVf
Carbonizzato in auto

Si schianta con l’auto contro un muro di cemento armato e muore carbonizzato all’interno dell’abitacolo in fiamme. È accaduto la notte scorsa a Foligno, lungo via Temperini, nella frazione di sant'Eraclio, poco dopo le tre. A dare l’allarme sono stati degli operai che lavoravano sulla massicciata della ferrovia. Hanno sentito un botto e poi visto dei bagliori provenire dalla strada. Il fuoco ha avvolto la vettura in un attimo, all’arrivo dei vigili del fuoco per il conducente non c’era più niente da fare. La vittima non è stata ancora identificata. Con il passare delle ore, però, prevale l’ipotesi che possa trattarsi dell’intestatario della vettura, un uomo di cinquantasei anni residente da solo a Spoleto, non originario della zona. I carabinieri di Foligno, in stretto contatto con la procura spoletina che disporrà l’autopsia sui resti dell’automobilista, stanno ancora facendo accertamenti: per ora non è stato possibile contattare i familiari. Dai rilievi non emergono particolari sospetti: si esclude il coinvolgimento di altri mezzi. Non sono state viste persone né auto allontanarsi dal luogo di quello che appare, stando alla prima ricostruzione, un tragico incidente. L’ipotesi è che l’uomo al volante della Skoda Fabia abbia perso il controllo dell’auto in curva per poi andare a sbattere, complice l’alta velocità o un malore, addosso al muro, in corrispondenza di un’abitazione isolata, al civico 163. L’immediato incendio dell’auto, alimentata a benzina, avrebbe reso l’abitacolo una trappola mortale.

di Andrea Rossini