Uccise la moglie: chiesta perizia psichiatrica

Accolta la richiesta di accertamenti sullo stato mentale dell'ottantenne che la notte di Natale sparò alla moglie

Uccise la moglie: chiesta perizia psichiatrica
TGR
L'omicidio di Amelia

I fatti risalgono alla notte tra il 24 e il 25 dicembre scorso. L'ottantenne di Amelia che a colpi di arma da fuoco uccise la moglie nella casa in cui vivevano è sotto processo con l'accusa di omicidio volontario aggravato e per lui la Corte d'assise di Terni ha disposto una perizia psichiatrica. Il collegio ha così accolto un'istanza presentata dal legale dell'uomo, l'avvocato Luca Leonardi. Tre i periti incaricati della consulenza che avverrà nell'udienza del 29 giugno prossimo. La difesa ha già depositato una perizia di parte che dichiara la non capacità di intendere e volere dell'imputato al momento del fatto e la sua non pericolosità sociale in senso psichiatrico. L'anziano - che aveva subito confessato l'omicidio dicendosi angosciato dalle condizioni di salute della moglie - si trova attualmente agli arresti domiciliari in una rsa di Amelia.