Contratti covid in sanità. C'è l'accordo per la proroga dei precari

Sindacati e Regione hanno raggiungo un'intesa. Le prestazioni dei lavoratori andranno avanti fino al 31 dicembre 2022

Contratti covid in sanità. C'è l'accordo per la proroga dei precari
Tgr
Concorsopoli in sanità

Accordo raggiunto tra la Regione e sindacati. I contratti Covid dei lavoratori precari della sanità dell'Umbria sono stati prorogati fino al 31 dicembre 2022. Un risultato importante ma non risolutivo - commentano Cgil Cisl e Uil- al termine del confronto con i vertici regionali. Stabilizzazioni e soprattutto nuove assunzioni a tempo indeterminato restano - dicono - assolutamente fondamentali per mettere in sicurezza il sistema sanitario regionale ed evitare la fuga di professionalità verso altre regioni ma anche l'allungamento delle liste d'attesa. Ad essere prorogati sono stati circa 350 contratti Covid in essere. Si tratta di medici, infermieri e operatori sanitari che hanno maturato 18 mesi di servizio durante la pandemia al 31 dicembre. Si punta ora ad una riorganizzazione del sistema soprattutto in vista di una nuova fase critica  causata dalla ripresa dei contagi. La pressione sulle strutture sanitarie sta nuovamente salendo. Nelle ultime 24 ore i ricoveri a causa del virus sono cresciuti ancora, di 11 unità, che portano il totale a 158. Un paziente è in terapia intensiva. In crescita anche i nuovi contagi, 1.316 a fronte di 568 guariti. Gli attualmente positivi diventano così 12mila 889. E si pensa già a come recuperare nuovi posti per pazienti contagiati in vista del picco di questa ennesima nuova ondata.